10 cose che non sapevi su Stanley Kubrick sono curiosità sulla personalità di questo grande visionario e alcune particolarità sulla preparazione dei suoi intramontabili capolavori.

Artista meticoloso, autore complesso, regista eclettico, Stanley Kubrick, aveva un’estrema facilità nell’adattarsi a creare opere di qualsiasi genere seppur fosse un anticonformista per eccellenza.

Innovatore, fuori dagli schemi, il regista superava i limiti pretesi dall’opinione pubblica, sperimentando sempre cose nuove.

Ecco 10 curiosità su Stanley Kubrick davvero interessanti:

– Ricevette 13 nomination agli Oscar (tra cui 3 “Miglior Film” e 4 per la “Miglior Regia) ma non ne vinse nemmeno uno.

– Dopo essersi trasferito a Londra nel 1960, non volle prendere più l’aereo a causa del suo terrore per il volo. Da allora girò i suoi film sempre nel Regno Unito.

– Ricreava gli ambienti dei suoi film in una maniera meticolosa: per ricreare la superficie lunare di “2001: Odissea nello Spazio” usò sabbia trattata e ricolorata; per ricreare la neve del labirinto di “Shining” vennero impiegate 900 tonnellate di sale.

2014_03_23_kubrick_02

– Kubrick girò la scena dello stupro di “Arancia Meccanica” tante volte perché la riteneva troppo convenzionale. Chiese a McDowell di improvvisare un balletto, quindi cominciò a canticchiare “Singin’ in the Rain”. Il regista ne rimase talmente folgorato che acquisì presto i diritti della canzone per 10000 dollari.

– I Marines in Full Metal Jacket dovettero sottoporsi ad un vero campo di addestramento che includeva essere insultati 10 ore al giorno da Ermey (Sergente Hartman) e radersi la testa una volta a settimana.

– La lunghezza totale delle riprese di “2001: Odissea nello Spazio” è 200 volte quella della versione finale.

– I produttori della Pixar in Toy Story, hanno voluto omaggiarlo dando alla moquettes della casa di Sid, lo stesso motivo geometrico di quella di Shining.

2014_03_23_kubrick_05

– La critica ammirò molto il realismo con cui Kubrick rappresentò lo spazio in “2001”: nell’ambiente spaziale non si propagano suoni, per questo per gran parte dell’opera si può sentire la colonna sonora, entrata nella storia.

– Il regista vanta il maggior numero di riprese per una sola scena (127 riprese per una scena di “Shining” con la Duvall) e i tempi di lavorazione più lunghi per un film ( ben 400 giorni Eyes Wide Shut).

– Kubrick era un grande giocatore di scacchi, tant’è che un giorno un attore portò una scacchiera sul set: il regista sospese le riprese e sfidò parte del set per ore. Vinse ogni partita.

 

 

Lascia un commento!

CONDIVIDI