Ci siamo, è il 10 agosto, e ci stiamo avviando verso una delle notti più affascinanti dell’estate: la Notte di San Lorenzo.

Per godere al meglio dello spettacolo delle “lacrime di San Lorenzo, dovrete ricercare zone con il cielo limpido e lontano da fonti luminose.

Non si parla di vere e proprie stelle cadenti, bensì di meteore, frammenti di corpi celesti la cui alta velocità di attraversamento dell’atmosfera fa si che ne provochi il disgregamento e la combustione; questa azione genera un grande rilascio di energia, ed è proprio in quel momento che vediamo la traccia brillante della meteora.

La Terra, ruotando intorno al Sole, attraversa ogni anno lo sciame meteoritico chiamato Perseidi.

Questo fenomeno ricade ogni 10 agosto, anche se è visibile in quasi tutto il periodo estivo. Il picco meteoritico avviene intorno al 12 agosto.

Si parla anche di “lacrime di San Lorenzo” perché nel 253 d.C., il 10 agosto, ci fu il martirio del diacono Lorenzo, il cui pianto, ci cade addosso lo stesso giorno, ogni anno.

 

Lascia un commento!

CONDIVIDI