Poche ore fa ci ha lasciato, a soli 8 anni, la piccola Lucy Parke, bambina nord irlandese affetta da sindrome di Hutchinson – Glifor (anche detta Progeria).

La piccola era come intrappolata nel corpo di una centenaria a causa di questa sindrome tanto irrimediabile quanto rara che porta i bimbi ad ammalarsi di patologie che colpiscono gli anziani conducendoli ad una morte prematura durante i primi venti anni di vita.

Lucy sapeva da tempo di essere malata, ma non ha mai perso la voglia di sorridere, come scrivono la mamma e il papà nello struggente messaggio di addio alla figlia sui social.

“Abbiamo perso la nostra preziosa Lucy. Il suo corpo era debole ma il suo cuore era forte. Il suo amore per la vita e il suo meraviglioso sorriso ci hanno dato forza e ci hanno resi orgogliosi di essere i suoi genitori” scrivono il padre e la madre della bambina, concludendo infine: “La tua vita non è stata vana, sappiamo che sei in cielo e siamo così grati per tutto ciò che ci hai insegnato: gli abbracci, le risate e i sorrisi che ci hai dato. Gli ultimi otto anni sono stati incredibili, grazie Lucy e grazie a Dio. Ci mancherai ogni singolo giorno”.

 

Lascia un commento!