Il mio amico Sammy Basso ha raggiunto un altro splendido traguardo laureandosi in Fisica all’Università di Padova, con 110 e Lode, il massimo dei voti!

Sammy,  ha la progeria, una malattia rara, conosciuta anche con il nome di Sindrome di Hutchinson-Gilford (HGPS), o Sindrome da invecchiamento precoce, a 22 anni Sammy ci dimostra ancora una volta che coraggio e determinazione sono le armi più potenti di tutte.

Fondatore dell’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso finalizzata a promuovere la conoscenza e la ricerca sulla sua malattia, è uno dei cinque cittadini italiani affetti da tale patologia e sogna, da sempre, di diventare proprio un ricercatore.

E non è finita qui: il ragazzo ha anche scritto un libro intitolato Il viaggio di Sammy, che racconta la sua meravigliosa esperienza negli Stati Uniti D’America dopo gli esami di maturità.

Ed oggi il viaggio continua, insieme a quelle che sono le persone più care: su Facebook e Twitter  Sammy dedica il primo pensiero ai suoi genitori che, come scrive egli stesso, gli hanno “donato la vita due volte”, consentendogli di diventare l’uomo che è oggi.

Perché Sammy affronta sempre la vita con il sorriso, tra giornate positive e altre molto più complicate da affrontare a causa della patologia.

Io, che ho avuto la fortuna di raccontare la storia di questo ragazzo nel docufilm Resilienza, tutti voi, tutti noi, possiamo solamente prendere esempio da lui ed unirci al coro di tutti coloro che gli hanno fatto le congratulazioni per questa nuova meravigliosa conquista!

Sei forte, Sammy!

Lascia un commento!