Dal 1° giugno a Porto Cesareo le sigarette (con annessi mozziconi), sulle spiagge in concessione ai lidi o sulla spiaggia libera a 10 metri dalla battigia, saranno bandite.

E c’è di più: anche le aree sottoposte a una particolare tutela naturalistica (es. parco regionale Palude del conte e duna costiera, nell’area marina protetta di Porto Cesareo, sul cordone delle dune e negli isolotti) saranno tutelate dalla misura, anche per prevenire incendi.

L’ordinanza firmata dal sindaco Salvatore Albano, proclama inoltre Porto Cesareo come ‘città no smoke’. Come raccontato dal Nuovo Quotidiano di Lecce, infatti, sarà proibito fumare su tutto il territorio del comune in presenza di donne incinte o minori. I trasgressori verranno sanzionati con multe dai 25 ai 500 euro.

La misura non è finalizzata solamente a preservare la salute pubblica e il rispetto dei non fumatori, ma anche a limitare l’impatto del turismo sull’ambiente.

Quindi è assolutamente proibito buttare rifiuti prodotti dal fumo nelle acque o sul suolo.

L’ordinanza antifumo firmata il 26 marzo giunge dopo alcuni giorni da quella che ha proibito anche contenitori e stoviglie monouso in plastica. “Così a piccoli passi – dice il sindaco – cerchiamo di rendere il territorio più vivibile”.

Lascia un commento!